News SEO 2024: scopri le tendenze e cosa cambia

Contenuti

news seo 2024

Il 2024, prosegue la svolta significativa che era già iniziata nell’anno precedente. Questa svolta, riguarda il modo in cui i motori di ricerca interpretano e valorizzano i contenuti online, per rispondere in modo sempre più preciso agli intenti di ricerca degli utenti.

A essere sinceri, non è affatto facile rimanere al passo con i tanti cambiamenti di marcia, a cui Google ci sottopone con una certa frequenza, ormai. E quando leggerà questo articolo, siamo sicuri non ce ne vorrà!

Del resto, se ci mettiamo a pensare al fatto che negli ultimi 5 anni, il più grande motore di ricerca al mondo, ci ha servito più di 30 aggiornamenti al suo algoritmo…no, meglio non pensarci!

Meglio andare subito al sodo e fare un bel punto su quanto accadrà, anzi sta già accadendo, e approfondire le SEO news, in particolare quelle che ci vengono direttamente da John Mueller, faro guida indiscusso di Google, per sviluppatori e creatori di siti web ottimizzati, e da Gary Illyes, analista di Google.

Novità 2024 nel motore di ricerca più usato al mondo: largo alla voice search

Con l’evoluzione della tecnologia e l’adattamento degli stili di vita, la ricerca vocale diventa sempre più una componente fondamentale nella google search e nelle strategie SEO. Gli insights riportati da una ricerca di Statista, indicano che nel 2024 saranno utilizzati circa 8 milardi di assistenti vocali! Questo la dice davvero lunga su quanto questo trend sia in crescita.

Le query vocali, ovviamente, tendono ad essere più lunghe e conversazionali, rispetto all’inserimento testuale classico. Di conseguenza, l’ottimizzazione dei contenuti dovrà adattarsi, per rispondere a questo tipo di richieste più naturali e dirette.

voice search

Le ricerche vocali, sono spesso localizzate e richiedono risposte rapide. Ciò significa, che la SEO locale avrà maggiori opportunità di visibilità, se ottimizzerà i contenuti per la ricerca vocale.

Non dimentichiamoci l’importanza dell’accessibilità. Grazie alla ricerca vocale, si promuove l’inclusività digitale e si facilitata l’accesso alle informazioni a persone con disabilità.

Le strategie SEO e le tecniche di content marketing, dovranno evolvere per includere l’ottimizzazione per la ricerca vocale, considerando aspetti come tono, contesto, e intento di ricerca.

Ricerca per immagini: uno dei trend in crescita nella SEO del 2024

Con l’evoluzione della tecnologia e l’integrazione, sempre maggiore, dell’intelligenza artificiale nei motori di ricerca, la capacità di riconoscere e interpretare le immagini, sta diventando sempre più sofisticata. Questo ci spinge a dover porre l’attenzione su 5 aspetti:

  1. importanza dell’ottimizzazione delle immagini, sia per qualità che per rilevanza, includendo tag alt descrittivi e titoli pertinenti.
  2. Ricerca visiva avanzata: gli utenti sono più propensi a utilizzare la ricerca Google visiva per trovare prodotti e informazioni, per questo le aziende devono essere presenti e visibili in questi tipi di ricerche.
  3. Integrazione con eCommerce: la ricerca per immagini, è particolarmente rilevante per i siti eCommerce, sui quali i consumatori spesso cercano prodotti basandosi sull’aspetto visivo.
  4. Contenuti visivi di qualità: la creazione di contenuti visivi di alta qualità, non solo immagini ma anche grafiche e video, diventa sempre più importante per attirare e coinvolgere l’utente.
  5. Identificazione e tagging automatico: l’IA consente l’identificazione automatica e il tagging degli elementi nelle immagini, migliorando la precisione dei risultati nella ricerca visiva.

Teniamo bene a mente, che la ricerca per immagini è una componente crescente della SEO. Rappresenta una sfida importante su cui concentrarsi nel 2024, per le strategie di marketing digitale.

Zero click searches: sempre più importanza all’Answer Engine Optimization (AEO)

Ricerche senza clic, o zero-click searches, sono ricerche in cui l’utente ottiene le informazioni desiderate direttamente dalla pagina dei risultati del motore di ricerca, senza dover cliccare su alcun link.

Questo fenomeno è in crescita, soprattutto con l’evoluzione dei motori di ricerca in answer engines, in grado di fornire risposte dirette alle domande degli utenti.

In questo contesto, l’Answer Engine Optimization (AEO) diventa una strategia SEO fondamentale, che si concentra sulla comprensione e soddisfazione delle esigenze informative degli utenti, anticipando le domande che potrebbero porre, e fornendo risposte dirette e immediate.

Ecco 7 punti chiave da conoscere per adattarsi a questa tendenza:

  1. ottimizza i tuoi contenuti per apparire nei Featured Snippets, che sono spesso la fonte delle risposte fornite in queste ricerche senza clic.
  2. Struttura i tuoi contenuti in modo che rispondano chiaramente e direttamente a domande frequenti degli utenti. Usa titoli e sottotitoli per formulare queste domande e fornire risposte concise.
  3. Implementa lo schema markup, per aiutare i motori di ricerca a comprendere e visualizzare i tuoi contenuti in modo più efficace nei risultati di ricerca.
  4. Con l’aumento della ricerca vocale, ottimizza i tuoi contenuti per rispondere a domande poste in modo conversazionale.
  5. Produci contenuti autorevoli, accurati e di alta qualità. I motori di ricerca tendono a preferire fonti affidabili per le risposte dirette.
  6. Comprendi le intenzioni dietro le query degli utenti e adatta i tuoi contenuti per soddisfare queste esigenze informative.
  7. Per le aziende locali, la local SEO è necessaria per apparire in risposte dirette relative a ricerche locali, come orari di apertura e indirizzi.

Search Generative Experience: è in arrivo un’esperienza di ricerca avanzata, personalizzata e interattiva

La Search Generative Experience, è una tecnologia rivoluzionaria che si basa sull’integrazione dell’Intelligenza Artificiale (IA) e del Machine Learning, per trasformare il modo in cui interagiamo con i motori di ricerca.

search generative experience google news 2024
Search Generative Experience: immagine dal blog di Google

Segna l’inizio di una nuova era nella ricerca online, dove l’interazione uomo-macchina raggiunge livelli di naturalezza, personalizzazione e intelligenza senza precedenti. Per ora però è disponibile solo negli Stati Uniti.

Ecco alcuni aspetti chiave della Search Generative Experience:

  • L’IA permette un’interazione quasi umana, e gli utenti possono dialogare con il motore di ricerca in modo naturale e intuitivo, rendendo la ricerca più fluida e meno meccanica.

  • Ogni esperienza di ricerca è unica, adattata alle preferenze individuali dell’utente, al suo storico di ricerca e al contesto attuale. Questo assicura che i risultati siano estremamente pertinenti e personalizzati.

  • I motori di ricerca sono capaci di generare contenuti in tempo reale, come risposte a domande specifiche, riepiloghi di argomenti complessi, o suggerimenti personalizzati, elevando il livello di utilità e pertinenza dell’informazione fornita.

  • La tecnologia è predittiva, perché non solo risponde alle query, ma anticipa anche le esigenze degli utenti, suggerendo informazioni rilevanti, prima che vengano esplicitamente richieste.

  • Oltre al testo, la ricerca incorpora elementi visivi e audio, per una comprensione più profonda e un’esperienza utente arricchita.

  • Questa tecnologia rompe le barriere, offrendo un’esperienza di ricerca accessibile a tutti, indipendentemente dalle capacità o dalle limitazioni individuali.

  • Nonostante l’uso intensivo di dati per la personalizzazione, la privacy e la sicurezza rimangono prioritari, con protocolli avanzati per proteggere le informazioni degli utenti.

L’evoluzione dei Featured Snippets nel 2024: le news SEO da conoscere

Alcune novità significative nel 2024, riguardano i Featured Snippets nei motori di ricerca. I Featured Snippets, conosciuti anche come risposte in primo piano, sono quei riquadri di informazioni che appaiono in cima ai risultati di ricerca, e che forniscono risposte dirette alle domande degli utenti. Ecco le principali novità da conoscere:

  • I motori di ricerca stanno lavorando per rendere i Featured Snippets più personalizzati, basandosi sul comportamento di ricerca e le preferenze individuali degli utenti.

  • L’uso dell’IA per migliorare l’accuratezza e la rilevanza dei Featured Snippets, è in aumento. Questo porta a risposte più precise e contestualizzate.

  • Oltre al testo, i Featured Snippets includono sempre più spesso elementi multimediali come immagini, grafici e video, per fornire risposte più complete e coinvolgenti.

  • I criteri per la selezione dei contenuti nei Featured Snippets sono più sofisticati, e offrono maggiori opportunità di visibilità per una varietà di siti web, compresi quelli con contenuti di nicchia.

  • C’è un’enfasi crescente nel rispondere a domande molto specifiche e dettagliate, che richiedono risposte concise ma informative.

Offri la migliore esperienza utente e Google ti premierà

Quanto è stato importante, e quanto lo sarà nel 2024, garantire un’ esperienza utente positiva (user experience – UX) nella creazione e ottimizzazione di siti web e contenuti online! Le notizie SEO più recenti lo confermano senza alcuna riserva.

Tradotto dalla teoria alla pratica, significa occuparsi in modo certosino di:

  • Velocità di caricamento: i siti web che si caricano rapidamente, offrono una migliore esperienza utente. E il nostro Google considera la velocità di caricamento, un fattore importante per posizionare un sito. Sfruttiamola bene!

  • Contenuto di qualità: fornire contenuti rilevanti, informativi e di valore, è fondamentale. Google valuta positivamente i siti che soddisfano le esigenze informative degli utenti e offrono risposte pertinenti alle loro query di ricerca. Basta con la spazzatura buttata là solo per riempire. Epic fail!

  • Design responsive: un sito web che si adatta bene a vari dispositivi, specialmente a quelli mobili, è essenziale per offrire un’esperienza utente ottimale. Google favorisce i siti responsive nel suo ranking, anche perché oggi più che mai, navighiamo quasi sempre da smartphone e molto poco da desktop.

  • Interazione e coinvolgimento dell’utente: incoraggiare l’interazione e il coinvolgimento degli utenti, attraverso commenti, recensioni e altre forme di partecipazione, migliora l’esperienza utente e influenza positivamente la visibilità su Google. Sì, la riprova sociale fa parte delle dinamiche SEO, mettiamocelo bene in testa una volta per tutte!

  • Accessibilità: rendere i siti web accessibili a tutti, comprese le persone con disabilità, non solo è una pratica etica, ma è anche valutata positivamente da Google. Dietro agli algoritmi e allo schermo, ci sono sempre e comunque persone, non dimentichiamolo.

Che ruolo avranno nel 2024 l’Intelligenza Artificiale e la Machine Learning nella Search Engine Optimization?

Nel 2023, la rivoluzione scatenata da Intelligenza Artificale e Machine Learning, è stata uno degli argomenti bollenti, forse il più discusso e controverso. C’è chi ha gridato al miracolo, chi allo scandalo, chi ha intravisto l’Apocalisse.

C’è anche chi, come noi di Qreativa, ha cercato di capirne vantaggi e svantaggi, usando tanto buon senso. Ma vediamo meglio in quale direzione stiamo procedendo nel settore del web marketing.

Nel corso del 2024, l’Intelligenza Artificiale (IA) e il Machine Learning (ML), avranno un ruolo sempre più significativo nella Search Engine Optimization (SEO). Come la influenzeranno? Ecco la risposta:

  • Comprensione del linguaggio naturale: grazie all’IA e al ML, i motori di ricerca saranno capaci di comprendere meglio il linguaggio umano nelle sue varie sfumature, interpretando con maggiore precisione il search intent degli utenti.

  • Personalizzazione dei risultati di ricerca: l’IA permetterà ai motori di ricerca di offrire risultati sempre più personalizzati, basati sul comportamento di ricerca, le preferenze e le abitudini degli utenti.

  • Analisi e ottimizzazione dei contenuti: gli strumenti SEO basati su IA, saranno in grado di fornire analisi sempre più dettagliate sui contenuti, suggerendo ottimizzazioni per migliorare la visibilità e l’efficacia nel raggiungere il pubblico target.

  • Predizione delle tendenze: l’IA e il ML, aiuteranno a prevedere le tendenze emergenti, consentendo a noi professionisti SEO di adattarsi rapidamente e di sfruttare nuove opportunità di mercato.

  • Miglioramento dell’esperienza utente: con l’aiuto dell’IA, sarà possibile migliorare l’esperienza utente attraverso siti web più intuitivi e reattivi, influenzando positivamente il ranking nei motori di ricerca.

  • Automazione nei processi SEO: molte attività SEO, come la ricerca di parole chiave, l’analisi dei backlinks e la generazione di report, saranno ulteriormente automatizzate, permettendo ai professionisti del settore di concentrarsi su strategie più complesse.

  • Adattamento ai cambiamenti degli algoritmi: l’IA e il ML, ci aiuteranno a comprendere e adattarci più rapidamente, ai continui aggiornamenti degli algoritmi dei motori di ricerca. 

Cresce il peso dei backlink di qualità per posizionarsi nelle prime posizioni di Google

Sì, l’importanza dei backlink di qualità nel posizionarsi nelle prime posizioni della SERP di Google, è in costante crescita.

Google li considera come voti di fiducia da parte di altre fonti e li utilizza per valutare la reputazione e l’autorevolezza del tuo sito.

Un backlink da un sito web autorevole e affidabile, ha un impatto positivo sul posizionamento del tuo sito web, mentre i backlink da siti di bassa qualità, o spam, danneggiano la tua reputazione online.

Per massimizzare l’efficacia dei backlink, è importante concentrarsi su strategie di link building etiche e mirate.

Questo significa cercare opportunità per ottenere backlink da siti rilevanti al tuo settore, o alla tua nicchia, creando contenuti di alta qualità che altri vorranno condividere, evitando così pratiche di link building inaffidabili.

Google, e non solo, è stanco di ospitare pratiche scorrette e immondizia. Talvolta ha chiuso un occhio, ma nel 2024, grazie ad un algoritmo sempre più raffinato e alla potenza di IA e Machine Learning, è pronto a spazzare via e penalizzare i siti web furbacchioni, per non dire peggio.

Identikit dell’utente medio che naviga sul web nel 2024: le 8 caratteristiche chiave

  1. L’utente medio, nel 2024, utilizza dispositivi mobili, come smartphone e tablet, per accedere a Internet.
  2. È spesso attivo sui social media, e utilizza piattaforme come Facebook, Instagram, X e TikTok, per condividere contenuti, interagire con gli amici e seguire i loro interessi.
  3. Avido consumatore di contenuti multimediali, è appassionato di video su YouTube, serie TV in streaming, podcast e musica online.
  4. Fa acquisti online, sia per beni di consumo che per servizi. Effettua acquisti su siti come Amazon, eBay e altri negozi online.
  5. È sempre più consapevole della privacy online e cerca di proteggere i propri dati personali. L’uso di VPN (Virtual Private Network) e strumenti di crittografia, è sempre più diffuso.
  6. Spesso mostra un interesse crescente per temi sociali, ambientali e politici. Partecipa attivamente a discussioni online su questioni importanti e cerca fonti di informazione affidabili.
  7. Utilizza piattaforme e corsi online per migliorare le proprie competenze e acquisire nuove conoscenze.
  8. Vuole tutto e subito, perché è abituato a una connessione internet veloce e si aspetta un’esperienza di navigazione senza interruzioni. La velocità di caricamento delle pagine web, è fondamentale per soddisfare le sue aspettative. Fai attenzione ai tempi di caricamento del tuo sito web!

In generale, l’utente medio che naviga sul web nel 2024, è altamente connesso, orientato ai dispositivi mobili, socialmente impegnato e interessato a una vasta gamma di contenuti online. Per essere competitivi, dobbiamo dargli quello che vuole e come lo vuole, senza se e senza ma!

Il contenuto è sempre il re purché sia curato nei dettagli e di valore

Il detto Content is King, per chi lavora nel settore della SEO e del Content Marketing, è come un Comandamento, una legge scritta, e sarà così, ora e per sempre.

È proprio per questo motivo che la creazione di contenuti di alta qualità, curati e ricchi di valore, è fondamentale per attirare l’attenzione degli utenti e guadagnarsi la loro fiducia. Ma perché il contenuto è così importante e lo sarà anche, e di più, nel 2024?

  • Contenuti ben scritti e informativi, catturano l’attenzione degli utenti e li incoraggiano a visitare il tuo sito web, o a interagire con il tuo brand.

  • La pubblicazione di contenuti di qualità, dimostra la tua competenza e autorità nel settore, costruendo la fiducia tra te e il tuo pubblico.

  • Contenuti di valore sono più propensi a essere condivisi sui social media e ad attirare l’attenzione di altre fonti, aumentando la visibilità del tuo brand.

  • I motori di ricerca come Google, premiano i siti web con contenuti rilevanti e di qualità, contribuendo a migliorare il posizionamento nelle pagine dei risultati di ricerca.

  • La creazione costante di contenuti di qualità, mantiene il tuo pubblico interessato e fidelizzato nel tempo.

  • I contenuti di qualità affrontano le esigenze e i problemi dei tuoi utenti, fornendo loro soluzioni e informazioni utili.

  • In un ambiente digitale altamente competitivo, il contenuto di alta qualità ti distingue dalla concorrenza e mette in luce la tua unicità.

Tieniamo sempre ben a mente, che la qualità è più importante della quantità, quindi è sempre meglio concentrarsi sulla produzione di contenuti che soddisfino le esigenze e gli interessi del pubblico target.

SEO 2024: parola d’ordine più EEAT per i siti web

Il concetto di EEAT (Expertise, Experience, Authoritativeness, Trustworthiness), che tradotto significa Competenza, Esperienza, Autorevolezza e Affidabilità, lanciato dall’algoritmo di Google nel 2023, sarà anche nel 2024 un pilastro fondamentale nelle strategie SEO e nel posizionamento dei contenuti sui motori di ricerca.

Si tratta di un quadro di riferimento utilizzato da Google per valutare la qualità e la credibilità dei siti web. Questi fattori non sono direttamente legati al ranking, ma sono la guida per i valutatori di qualità di Google, i cui feedback influenzano gli aggiornamenti futuri degli algoritmi.

Per garantire una presenza online duratura, bisogna riconoscere l’importanza del concetto EEAT, concentrando gli sforzi per migliorare esperienza, competenza, autorevolezza e affidabilità del sito.

Questo approccio, non solo evita il rischio di diventare irrilevanti online, ma consente anche di emergere come leader nel proprio settore.

Dopo questo bel viaggio alla scoperta delle tendenze SEO nel 2024, è chiaro che solo chi avrà la voglia di cavalcare l’onda, senza farsi intimorire o scoraggiare, e lo farà con tanta cura e competenza, riuscirà a non cadere nell’abisso più nero.

Irene Tempestini

Irene Tempestini

Lavoro nel campo della comunicazione, on e offline, da oltre 15 anni, abbracciando varie sfumature del settore. Sono Senior SEO Copywriter, Giornalista iscritta all'Ordine Nazionale dei Giornalisti (tessera professionale n.140252), Media Manager, Addetta Stampa e PR di Qreativa. Il mio percorso non si è mai fermato. Investo continuamente nella formazione, per restare sempre al vertice nel frenetico mondo del digital marketing.
Condividi l'articolo

Altri contenuti simili

cbo facebook

CBO Facebook – budget della campagna Advantage: guida pratica 2024

come investire in facebook ads

Come investire in Facebook Ads con la giusta pianificazione finanziaria

facebook ads strategie di bidding

Facebook Ads strategie di bidding: come vincere le aste e ottenere più clic

pixel facebook

Pixel Facebook: guida definitiva 2024