Come fare pubblicità al proprio sito ecommerce in modo efficace

pubblicità ecommerce

Tabella dei Contenuti

La pubblicità ad un sito ecommerce è essenziale per aumentare la conoscenza del brand, il traffico al sito e gli acquisti.

In questi ultimi anni lo shopping online è aumentato a dismisura e con lui la nascita di nuovi ecommerce. Questo significa maggior concorrenza che, di conseguenza, innalza il costo dell’advertising online.

pubblicità ecommerce

Ma significa anche che fare pubblicità ad un sito ecommerce è estremamente importante per ottenere risultati soddisfacenti. Anche perché non sarà difficile raggiungere il ritorno dell’investimento e l’advertising online offre risultati sempre più ottimali.

Vediamo quindi ora come creiamo la strategia di pubblicità per un sito ecommerce.

Cos’è una campagna di advertising. Scoprilo leggendo qui sotto

Una campagna di advertising è letteralmente una campagna pubblicitaria, quindi a pagamento.

Nel mondo del marketing digitale infatti una campagna di advertising, è generalmente chiamata “ads”, “adv” o “ad” (abbreviazioni di advertising), accompagnata dal canale in cui viene eseguita la campagna: Facebook ads, ad esempio.

Ma questa sigla viene anche utilizzata da imprenditori e imprenditrici digitali, nel momento in cui devono fare pubblicità ad un prodotto, per chiarire che si tratta di pubblicità ed essere così trasparenti con il proprio pubblico.

Perché è così importante pubblicizzare bene un sito ecommerce

Come abbiamo detto nell’introduzione di questo articolo, gli e-commerce hanno sempre più successo e di conseguenza è importante distinguersi e catturare l’attenzione del pubblico.

Sicuramente creare un buon prodotto, curare il personal brand e lavorare sul traffico organico rimangono pratiche essenziali, ma non basta: devi farti pubblicità.

pubblicità online

Creare quindi campagne di pubblicità per il tuo ecommerce ti permette di raggiungere un numero elevatissimo di persone, ma soprattutto, ti permette di raggiungere il pubblico giusto: grazie alla targetizzazione, individuando il pubblico potenzialmente interessato.

Una campagna pubblicitaria permette anche di aumentare la conoscenza del tuo brand, le visite al tuo sito e il numero di followers nei tuoi social media.

Come noi di Qreativa creiamo una campagna pubblicitaria per il tuo sito ecommerce

Andiamo quindi a vedere quali sono gli step fondamentali che applichiamo ai nostri clienti, quando dobbiamo fare pubblicità al loro ecommerce.

1 Analisi: il primo step

Step preliminare ed estremamente importante è l’analisi del mercato, dei competitors e della buyer personas.

L’analisi ci permette di definire una strategia ad hoc per il nostro cliente, orientata al suo obiettivo.

2 Pianificazione della strategia: nulla viene lasciato al caso

Una volta individuato come vogliamo posizionarci nel mercato e cosa cerca il cliente tipo, si andrà a creare una strategia a breve, medio e lungo termine.

Questa strategia è sempre pianificata in modo tale da raggiungere gli obiettivi prefissati e andremo quindi a definire: budget per le campagne pubblicitarie, creatività delle campagne e canali in cui distribuire la nostra pubblicità.

strategia di marketing per ecommerce

3 Monitoraggio costante

Una volta che la pubblicità all’ecommerce è partita quello che andremo a fare è monitorare i risultati: quanto fatturato ha portato questa campagna? ho raggiunto il ROI?

Il monitoraggio dei risultati di una campagna ads ci permette di vedere se stiamo andando verso il nostro obiettivo, quando manca al raggiungimento o se lo abbiamo già raggiunto. Questo ci permette di “correggere la rotta” sulla campagna successiva o anche in corso d’opera.

Se ad esempio vediamo che un’ads non funziona analizziamo la campagna e i risultati al fine di capire cosa non ha funzionato e migliorarlo. Ma potrebbe anche succedere il contrario, i risultati sono sorprendenti e di conseguenza l’unica cosa che varierà è il budget investito, aumentandolo.

Scopri dove e come fare pubblicità al tuo sito ecommerce

Quando pianifichiamo una pubblicità per ecommerce questa viene svolta online, in diversi canali come social media o motori di ricerca, come Google.

Social network: sfrutta le tante opportunità

I social media non sono più solamente un luogo di condivisione di contenuti personali, ma hanno un enorme potenziale per i business. Questo perché sono stati in grado di catturare l’attenzione del pubblico e, dove c’è attenzione, c’è anche una grande potenzialità di pubblicità.

 facebook marketing

Questo però non significa che sfrutteremo tutti i social networks, è molto importante scegliere quello adeguato alla propria nicchia per non perdere tempo e budget.

Facebook: il social più usato

Facebook è ancora il social media più utilizzato al mondo. Questo social ti permette di creare una pagina dedicata al tuo business con anche una vetrina di prodotti oppure è possibile anche aprire un gruppo in cui curare la propria community.

Facebook ads ti da anche la possibilità di creare campagne pubblicitarie a pagamento proprio all’interno della sua piattaforma, condivisibili anche su Instagram, che andranno a raggiungere un target ben preciso e lavoreranno in base agli obiettivi impostati in fase di creazione della campagna.

Questi post “sponsorizzati” possono comparire nel feed di Facebook, nelle storie o nel marketplace.

Instagram per campagne d’effetto

Anche Instagram è uno dei social più utilizzati al mondo con un potenziale di attenzione dell’utente altissimo: non è raro infatti acquistare qualcosa dopo averlo visto su Instagram.

Qui è possibile creare una pagina dedicata al proprio shop, collegata direttamente con il sito ecommerce in cui acquistare.

instagram ads

I post che vengono creati in questa pagina possono essere pubblicizzati, mettendoli in evidenza, e visualizzati nel feed o nelle storie dal pubblico targettizzato.

Su Instagram però è possibile farsi fare pubblicità anche da content creator, gli influencer, che attraverso un compenso o un regalo creano contenuti nel loro profilo per pubblicizzare i tuoi prodotti.

Pinterest: quando l’ispirazione passa dalle immagini

Pinterest è un social network senza una forte connessione tra utenti ma che serve per cercare ispirazione attraverso immagini e video.

Quindi è particolarmente adatto per quelle realtà che, attraverso dei contenuti, riescono ad ispirare il pubblico facendo vedere loro come utilizzare il loro prodotto nella vita di tutti i giorni e riescono a farne trapelare l’utilità o un miglioramento di vita.

pinterest per pubblicità ecommerce

Ecco alcuni esempi di settori adatti alla pubblicità su Pinterest: viaggi, moda, makeup, fitness, food, fai da te.

LinkedIn il social professionale

LinkedIn è un social network di nicchia professionale, il che significa che è adatto per quei business che vendono ad altri business.

Potrai infatti creare la pagina della tua attività, collegata al tuo profilo personale, e creare contenuti che spiegano la tua realtà aziendale, la qualità dei tuoi prodotti ma anche offerte lavorative.

LinkedIn è un social che vanta meno iscritti rispetto ad altri, ma tutti di estremo valore e targettizzati. Proprio per questo motivo i post pubblicati dovranno essere utili ed interessanti, per aumentare l’awareness aziendale.

linkedin ads

Anche su questa piattaforma è possibile creare delle campagne pubblicitarie a pagamento, anche se hanno costi più elevati rispetto gli altri social networks.

Google ads la piattaforma pubblicitaria di Google

Google, il famoso motore di ricerca, permette di creare campagne pubblicitarie, anche ad hoc per gli ecommerce.

Con Google ads infatti è possibile creare diverse tipologie di campagne pubblicitarie, con luoghi e obiettivi differenti, a seconda del target.

google ads

Avrai la possibilità ad esempio di pubblicare un annuncio nella SERP di Google (che sarà mostrato agli utenti dopo che hanno effettuato una ricerca tramite parole chiave), in Google shopping (perfetto per un ecommerce) o ancora annunci in GMail.

Tips: scopri perchè la pubblicità al tuo ecommerce non ha funzionato (fino ad ora)

Questo aumento di business online ha anche portato, inevitabilmente, a doversi improvvisare professionisti del digital marketing.

Con la conseguente perdita di fiducia nei confronti del digital marketing e chiusura dell’attività online.

Questo è un grosso errore: un vero professionista di campagne pubblicitarie per ecommerce, riuscirà a farti raggiungere i risultati sperati poichè se la campagna non sta performando adeguatamente fin dall’inizio, le modifiche verranno fatte tempestivamente.

Pagare un advertiser professionista non significa spendere soldi, ma investirli in una persona qualificata che sarà in grado di analizzare il mercato, creare una strategia ad hoc e portarvi al vostro obiettivo.

Conclusioni

La pubblicità per un ecommerce appena realizzato è quindi di fondamentale importanza per avere successo, ma è anche estremamente importante:

  • analizzare il mercato, l’audience e i competitors;
  • pianificare ed attuare una strategia ad hoc, scegliendo le piattaforme in cui si concentra la buyer personas;
  • monitorare la campagna pubblicitaria per migliorarla e aumentare i guadagni;
  • rivolgersi ad un professionista di advertising, se non si conosce bene la materia.

Non esitare a contattarci.

Condividi l'articolo sui social

Altri contenuti simili

google core web vitals

Google Core Web Vitals e SEO: guida definitiva per migliorare le prestazioni del tuo sito web

content marketing pmi

Content Marketing per PMI: strategie efficaci anche con budget limitati

url seo friendly

URL SEO Friendly: guida definitiva per crearli e ottimizzare il tuo sito web

seo internazionale

SEO internazionale: 10 mosse per posizionare il tuo sito web all’estero