Come fare SEO per YouTube? I migliori tools

Contenuti

seo youtube

Le probabilità che con il passare degli anni la comunicazione sia sempre più incentrata sui messaggi video è molto alta.

L’immagine in movimento è infatti uno strumento in costante evoluzione e per questa ragione, soprattutto le aziende, stanno adottando video per promuovere il proprio brand.

Oggi realizzare video è fondamentale perché si tratta di un mezzo di comunicazione più diretto e di facile comprensione per gli utenti.

Le immagini rimangono più facilmente impresse nella mente delle persone. A convalidare questa teoria sono le notevoli differenze che esistono tra le notizie lette su un quotidiano e quelle trasmesse in tv.

Si evince che, se saputi sapientemente usare, i video sono capaci di raggiungere obiettivi strabilianti. Nell’articolo cercheremo di comprendere come fare SEO per YouTube e posizionare i video sulla SERP di Google e di YouTube.

Scopri quali sono le tecniche SEO YouTube presenti in rete

Molte tecniche SEO per YouTube presenti in rete, purtroppo, non sempre sono realmente funzionali a raggiungere gli obiettivi. Talvolta servono solamente a segnalare un argomento presente nel video alla piattaforma.

Le tecniche SEO per YouTube includono l’inserimento delle keyword nel titolo o nella descrizione del video. Oltre ai tag, purché siano connessi alla parola chiave e di hashtag dentro la descrizione, infine, nominare la keyword nel video.

ricerca keyword per video youtube

Trattandosi però di elementi che sono controllati da noi in maniera diretta, per Youtube non hanno grande rilevanza in merito al posizionamento.

È chiaro che tutti rivestano comunque una certa importanza, poiché fanno capire a YouTube di cosa parla il video o come deve catalogarlo. Il posizionamento però, è tutto un altro discorso.

Ulteriori fattori rilevanti, non controllabili direttamente da noi, sono il numero di like, visualizzazioni, commenti, iscrizioni al canale e condivisioni.

Qual è il rapporto tra Video e SEO? Continua a leggere e lo scoprirai

I fattori maggiormente influenti sul posizionamento dei video nella SERP sono più chiari rispetto a quelli della SEO standard.

YouTube, in pratica, prende in considerazione un video in base alle modalità di interazione da parte degli utenti e non solamente per il numero di like, visualizzazioni o commenti.

seo e youtube

L’importanza della ricerca delle parole chiave per i Video

La Keyword Research per i video è diversa rispetto a quella classica, poiché è come se dicessimo a entrambe le piattaforme, Google e Youtube, per quali keyword desideriamo comparire.

Esistono diversi strumenti utili per trovare le migliori parole chiave, al fine di ottimizzare i video su YouTube. Alcuni di questi tool sono YTCockPit, KeywordTool.io e Ubersuggest, sebbene molti professionisti optino direttamente per Keyword Planner di Google.

Keyword Planner di Google fa il suo lavoro, tuttavia, ti consigliamo di:

  • non sottovalutare i suggerimenti forniti da YouTube sulla SERP, poiché rileva le parole chiave digitate dagli utenti per quella precisa ricerca;
  • anche in YouTube Analytics, esattamente come succede con la Search Console di Google, la piattaforma suggerisce con estrema precisione quali parole chiave digitano gli utenti per trovarci e quali di queste compaiono sui nostri video. Non occorre fare altro che andare su Sorgenti traffico e Ricerca su YouTube, per ottimizzare i nostri video attraverso specifiche parole chiave e scovarne di ulteriori da riservare a nuovi progetti;
youtube analytics
  • sembra che i video compaiano nella SERP di Google solamente in base a specifici tipi di query. Ad esempio, per le recensioni che riguardano soprattutto beni materiali, potremo chiedere come fare e aggiungere la parola chiave, in particolare se si tratta di qualcosa di pratico, in base a interviste, tutorial, video divertenti e parole chiave attinenti allo sport. Dovremo digitare la parola chiave nella SERP di Google e accertarci che appaiano dei video, in questo caso potranno accadere due cose: o che i video non vengono mostrati, oppure si. Se compaiono, significa che per quella keyword Google ottimizza la SERP immettendo i video nei risultati di ricerca e di conseguenza noi la potremo usare per diventare competitivi. Nel caso non compaiano, o cambieremo la query, oppure procederemo accertandoci che siano presenti dei video ottimizzati per quella parola chiave su Youtube: in caso negativo, potremmo aver trovato una SERP libera. Si tratta di una fattispecie piuttosto rara, ma non impossibile.

Cosa influisce davvero sul posizionamento dei video su YouTube?

A questo punto, dovremmo chiederci quali fattori influiscano realmente sul posizionamento dei video su YouTube.

Principalmente, si tratta di 6 fattori di ranking, che sono Total Watch Time, Audience Retention, Session Time, CTR, Engagement e Channel Autority:

  • il Total Watch Time è il primo fattore di ranking e riguarda il numero complessivo di minuti visualizzati.
  • L’Audience Retention è la percentuale di video visualizzata e stabilisce quanto gli utenti siano realmente interessati a uno specifico video.
audience retention video youtube
  • Per Session time intendiamo il tempo che l’utente trascorre sulla piattaforma dopo aver visto il nostro video. Anche in questo caso YouTube non vuole che l’utente abbandoni la piattaforma e se il nostro video è piaciuto al punto da portarlo a vederne di ulteriori, ci premierà.
  • Il click through rate, noto come CTR, corrisponde al numero di clic che abbiamo ricevuto, messo in rapporto al numero di impressioni. Se accade che un utente clicca frequentemente su un nostro video, significa che è interessato perché ne è stato incuriosito.
  • L’Engagement è un fattore molto importante, perché commenti, like, condivisioni e altre interazioni indicano che l’utente ha apprezzato il video, pertanto la piattaforma attribuirà a questo molta importanza.
  • L’autorevolezza di un canale non è accertata da dati ufficiali, tuttavia, gli account appena creati hanno più difficoltà ad emergere rispetto ad altri che hanno acquisito maggiore rilevanza, pur non rispettando i numerosi fattori sopra menzionati. È possibile che l’Authority Channel si misuri in numero di iscritti, costanza nel pubblicare, in base all’età del canale ed effettiva branded search. Alcuni esperti suggeriscono di prendere in considerazione anche il numero di blacklink verso i video e il canale.

Come creare il video perfetto per YouTube. Leggi i nostri suggerimenti

Ma come creare il video perfetto? Sicuramente rispettando i punti sopra menzionati e partendo con il seguire i seguenti consigli tecnici:

  • inserisci le parole chiave nella descrizione o nel titolo.
  • Rinomina il video usando la parola chiave.
  • Inserisci hashtag nelle descrizioni, ma senza eccedere rischiando penalizzazioni da parte della piattaforma.
creazione video youtube
  • Carica una trascrizione del video.
  • Inserisci tag mirati. In questo caso puoi usare TubeBuddy per ottenere informazioni sui competitor e verificarne i tag e immettere correttamente i tag dal più specifico al più generico.

Come amplificare Audience retention e Total Watch time

Gli utenti restano sul tuo canale se visualizzano dei video di valore e qualità, per questa ragione devi seguire questi piccoli accorgimenti per incrementare il loro interesse e rendere più performanti i video.

Vediamo insieme come fare nel dettaglio:

  • crea dei video in FHD o 2K, molto apprezzati dalla piattaforma. Gli utenti li amano di più perché sono scorrevoli e piacevoli da vedere, inoltre, ti fanno apparire professionali e attendibili.
  • A contare davvero sono i primi venti secondi circa del video, significa che lo stesso dovrà essere realizzato così bene da incuriosire gli utenti sin da subito, il resto verrà da sé. Per farlo usa il Metodo APP (Agree, Promise e Preview) di Brian Dean di Backlinko, che consiste in Agree, ovvero individuare il problema e farlo presente; Promise, promettere un preciso risultato e Preview, anticipare il modo in cui risolveremo il problema nel corso del video;
  • interrompi il pattern, ovvero cambia il tema del video all’improvviso. Ciò consiste nel saper rompere gli schemi con una battuta o un breve sketch scollegato dall’argomento del video. In questo modo riconquisterai l’attenzione dell’utente senza annoiarlo. Saperlo fare ti porterò a ottenere una buona Audience Retention.
youtube audience retention
  • Su Youtube si posizionano meglio i video superiori ai 10 minuti. Tuttavia, non bisogna fare l’errore opposto, ovvero crearne di troppo lunghi che contrasterebbero con l’Audience Retention. Il numero complessivo di minuti visualizzati a parità di percentuale sarà maggiore e YouTube lo identificherà come segnale rilevante. Un video dalla lunghezza ottimale dovrebbe durare dai 10 ai 15 minuti.
  • Se vuoi aumentare il numero di clic sui video, carica immagini di anteprima accattivanti. Oppure scrivi descrizioni ed headline efficaci. Anche nel caso delle headline, per cui il discorso è molto lungo, lo scopo è sempre di incuriosire l’utente.
  • Per incrementare la durata di una sessione su YouTube, crea delle serie di video connessi tra loro, video in nicchie popolari, come svago o guadagno online. Senza mai dimenticare di sfruttare al meglio le playlist e inserire dei video correlati alla fine di video.
  • Ottenere la Channel Autority è la cosa più difficile, perché occorre pubblicare con costanza e nel frattempo attendere senza perdere la fiducia. I risultati infatti arriveranno con il tempo. Intanto puoi comunque invitare gli utenti a iscriversi e a condividere il tuo video.

Come promuovere un video su YouTube e migliorarne il posizionamento?

Quando avrai creato e caricato il video seguendo tutti gli step, sarai libero di promuoverlo per attirare il traffico.

Potresti farlo, ad esempio, ricorrendo all’utilizzo dei social network, che per la SEO ordinaria sono davvero in grado di fare la differenza.

promuovere video youtube

La condivisione del tuo video sui social porterà numerosi benefici, a iniziare dall’attirare il traffico che sarà poi elaborato da YouTube ai fini del posizionamento. Ricorda, se piace agli utenti potrà anche arrivare a diventare virale.

Blog e Newsletter sono un altro modo per promuovere i video. Anche ricorrere ai sistemi di advertising o chiedere a un bravo influencer di condividerli è utile.

L’obiettivo finale sarà sempre far arrivare il tuo video a quante più persone possibili.

Se vuoi una strategia SEO vincente per massimizzare il ritorno sull’investimento in video e Youtube, contattaci!

Irene Tempestini

Irene Tempestini

Lavoro nel campo della comunicazione, on e offline, da oltre 15 anni, abbracciando varie sfumature del settore. Sono Senior SEO Copywriter, Giornalista iscritta all'Ordine Nazionale dei Giornalisti (tessera professionale n.140252), Media Manager, Addetta Stampa e PR di Qreativa. Il mio percorso non si è mai fermato. Investo continuamente nella formazione, per restare sempre al vertice nel frenetico mondo del digital marketing.
Condividi l'articolo

Altri contenuti simili

come investire in facebook ads

Come investire in Facebook Ads con la giusta pianificazione finanziaria

facebook ads strategie di bidding

Facebook Ads strategie di bidding: come vincere le aste e ottenere più clic

pixel facebook

Pixel Facebook: guida definitiva 2024

Custom Audience Facebook: come creare un pubblico personalizzato per le campagne pubblicitarie