Brand Identity: cos’è e come costruirla in 8 step

Contenuti

brand identity

Hai mai sentito parlare di Brand Identity? Si tratta di un insieme di elementi che compongono il biglietto da visita della tua azienda, ovvero il modo in cui questa comunica a clienti, stakeholder e competitor.

Ciò che conta davvero quando si lavora alla sua costruzione, è identificare con la guida di un professionista i principali obiettivi e valori dell’organizzazione che si deve rappresentare, per trasmettere il messaggio corretto.

Sai già qual è la tua mission e cosa vuoi che i clienti percepiscano quando vedono il tuo logo sul sito o quando sentono parlare del tuo marchio?

Brand Identity per aziende

Creare un’identità di marca coerente è il punto di partenza per una strategia di comunicazione vincente, che può poi essere declinata sui diversi mezzi di comunicazione. Questo è come il primo pezzo di un puzzle da costruire e per definirlo ci vuole la giusta conoscenza e il tempo di realizzazione.

Come vedrai nell’articolo, per costruire un’identità di successo basterà prendere alcuni concetti come punto di riferimento e lavorare per realizzare una pianificazione della strategia per la tua impresa che potrà esserti d’aiuto negli anni a venire.

Che cos’è una brand strategy?

Prima di analizzare gli elementi che costituiscono l’identity e brand image, è importante sottolineare la necessità di una brand strategy, ovvero il percorso di una marca, efficace per garantirsi un posizionamento all’interno del proprio segmento di mercato.

Perché è così rilevante? Semplice, oggi distinguersi dai competitor e far percepire al pubblico di riferimento la propria personalità è diventato sempre più difficile. Ecco perché per entrare nella mente del consumatore e del proprio target, è importante costruire una strategia che nel complesso porti al riconoscimento della filosofia che c’è dietro alla marca.

Identità del brand

Che cos’è la brand identity?

Sono diversi gli elementi che permettono di creare e definire un’unica brand image agli occhi del consumatore.

Questa, infatti, si compone di un insieme di aspetti: dal nome al logo, senza dimenticare il brand design, il tono di voce del sito web e del piano editoriale del sito web e dei social media, così come di tutti gli elementi di comunicazione previsti all’interno della tua strategia.

Un’identità di successo per il tuo brand può essere costruita per evocare nei consumatori ricordi distinti utili ai fini dell’acquisizione di nuovi clienti.

Se ti stai chiedendo in che modo puoi definire il nome del tuo brand, raccogliere i valori fondamentali e creare una brand identity efficace, ti basterà sapere che esistono 8 step da tenere in considerazione per avere successo.

Come creare un’identità e una brand image?

Non importa che tu abbia un punto vendita, un prodotto specifico o un’organizzazione da promuovere: la tua strategia di marketing dovrà sempre basarsi sui valori della tua realtà, avendo ben chiara la mission specifica, i valori e gli aspetti fondamentali che creano la tua identità di marca.

Non sai da dove partire e in che modo fare branding? Per raggiungere i tuoi obiettivi puoi fare riferimento agli 8 step che troverai all’interno della guida proseguendo nella lettura.

1.Identifica la filosofia del brand

Come entrare nella mente dei potenziali clienti? La parte preliminare per farlo è definire la personalità del marchio, una guida fondamentale per la comunicazione.

Solo identificando le caratteristiche della filosofia alla base della tua attività, fin dalla sua nascita, puoi comprendere anche in che modo è possibile sviluppare la sua evoluzione, il suo carattere e in sostanza avere il tassello base per impostare di conseguenza la brand identity.

Per prima cosa è importante evidenziare il target del pubblico, ovvero i clienti a cui ti rivolgi con il marchio e quali sono i concetti che vuoi comunicare.

Per sviluppare questa parte del processo è possibile riflettere anche sulla definizione di chi non vuoi rappresentare e quali convinzioni non sono in linea con il tuo ambito e con l’immagine che vuoi trasmettere.

Solo avendo chiaro il concetto alla base della tua strategia, così come i termini fondamentali del marchio, puoi differenziarti e comprendere con chiarezza la strada da intraprendere.

2.Sviluppa un logo unico per la visual identity

Creare un logo per il tuo brand è il primo passo per rafforzare e direzionare l’identità della marca.

Lo sviluppo della parte visual della brand image è fondamentale, infatti, per aumentare la visibilità degli elementi grafici e soprattutto valutarne l’impatto.

Sia che si tratti di un logo personalizzato o dell’utilizzo di un modello pre impostato, è importante prestare attenzione all’immagine, valutando colori, simboli grafici e nomi per facilitare ai clienti la percezione del marchio e permettergli di seguirlo in tutti i canali di comunicazione, dalla pubblicità al sito web.

3.I colori: la definizione della palette per la tua brand image

Per esprimere personalità ed entrare a tutti gli effetti nella mente dei potenziali clienti, il processo di creazione dell’identità di marca come abbiamo visto non può prescindere dall’identificazione di un nome e di un logo.

Se il nome è ciò che non può proprio mancare fin dall’inizio, per la costruzione del logo del marchio è bene considerare anche i colori.

Questi, infatti, consentono di creare un legame emotivo con il pubblico che sia convincente e coerente con la reputazione del brand in tutti i materiali di marketing e di comunicazione.

Come vedremo nella guida, il logo e i colori non sono gli unici termini da considerare per la visual identity, dal momento che quest’ultima si costruisce anche con il font che viene utilizzato non solo per il nome, ma nella creazione dell’intera operazione di visual branding.

4.Scegli font e caratteri in linea con l’identità di marca

Nome, logo, colori ed elementi grafici, cosa manca nel visual per entrare nella mente del consumatore? Semplice, per il successo è fondamentale non dimenticare tra gli elementi anche il font e il carattere utilizzato per il tuo visual branding.

Questi elementi infatti, possono fare la differenza nel processo e modificare il modo in cui un marchio viene percepito dal pubblico in target.

Tutto sta nel comprendere a che cosa serve la scelta del font per la definizione dell’identità di marca: questo è infatti parte integrante della comunicazione e ne deve riflettere lo stile, l’atteggiamento e il carattere, creando coerenza del tutto, dal punto di vista visivo e verbale.

In tal senso poi, oltre a rispecchiare i valori della marca, per avere successo dovrà essere ben leggibile nelle varie dimensioni e in ogni sua parte, al di là dei formati utilizzati.

Come non pensare a Coca Cola quando si pensa alla creazione di un font? Se i caratteri alla base della tua identità vengono scelti con criterio, in modo da rispecchiare la marca e risultare professionali al consumatore, la tua brand identity sarà rafforzata e il suo successo garantito.

5.Crea un tone of voice per la tua brand identity

Quando si comunica ai consumatori, potenziali clienti o investitori, è fondamentale creare anche un tono di voce professionale.

Quest’ultimo, infatti, è imprescindibile all’interno della propria immagine ed è un concetto importante che aiuta a trasmettere serietà, esperienza ed affidabilità.

Informale, amichevole o istituzionale? Le caratteristiche del tono di voce della tua comunicazione dipendono dalla tua strategia di marketing, ma ricorda che è fondamentale trovare un equilibrio tra l’informalità estrema e la rigidità.

Il piano editoriale sui social media, per esempio, dovrà richiamare queste caratteristiche del tono di voce e considerare anche come il linguaggio può essere interpretato dai tuoi interlocutori.

Tutto quello che può risultare aggressivo, offensivo o insensibile deve essere evitato in qualsiasi modo, mentre è bene scegliere parole giuste ai fini di garantire chiarezza e trasmettere correttamente i valori del tuo brand al pubblico.

6.Marketing e branding: come scegliere gli strumenti giusti?

Come abbiamo visto fino ad ora, fare branding significa trovare il modo corretto per declinare attraverso un’immagine e un tono di voce le credenze di riferimento del brand, per entrare nella mente dei tuoi clienti e raggiungere i tuoi obiettivi.

Tuttavia, un concetto che non si può dimenticare è quello che vede la definizione delle piattaforme di comunicazione all’interno della costruzione della tua brand identity.

Per identificare gli strumenti migliori per la nostra strategia, è importante valutare dove si trovano i principali consumatori e come possiamo intercettarli.

Solo in questo modo, infatti, possiamo assicurarci che le tattiche utilizzate siano adeguate alle nostre esigenze e ci portino successo.

Alcuni esempi? I nostri clienti e consumatori possono trovarsi su diversi canali:

  • Social (Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, TikTok);
  • TV (locali e nazionali o a pagamento: Sky, MediasetPremium, Infinity ecc);
  • cartellonistica in metropolitana, sugli autobus, su palazzi o strade, tramite brochures di Guerrilla Marketing o simili;
  • su riviste di settore, specializzate e generaliste;
  • blog di settore specializzati in guide e corsi.

7.Sviluppa un claim o una tagline per la tua marca

Come viene percepita la marca dal consumatore? Ad influire su questo, oltre al logo e al tono di voce, c’è anche il claim o l’utilizzo di uno slogan efficace che può avere un impatto fortissimo sulla mente di un potenziale cliente.

Cosa seguire per crearlo? Questo dovrebbe catturare oltre all’essenza del prodotto o del brand, anche un aspetto facile da ricordare e capace di raccontare in modo esemplare quello che fai.

Creare una tagline o uno slogan di successo per la tua azienda richiede creatività, attenzione e precisione, ma fare questo passo può essere incredibilmente utile per stabilire una presenza memorabile del tuo marchio.

8.Definire le linee guida su come usare la brand identity

Ora che passo dopo passo hai delineato la tua identità di marca nei suoi elementi fondamentali, non ti resta che elaborare una serie di linee guida per l’utilizzo del marchio.

Si tratta di un passaggio fondamentale per creare un’esperienza di marca coerente e coesa, implementando tutte le regole specifiche su come il brand, il suo logo e la sua identità visiva può essere rappresentato da dipendenti, partner e clienti.

Questo rapporto potrà includere anche indicazioni su chi può creare materiali ufficiali del marchio, su quali immagini sono approvate per l’uso in prodotti/altri materiali di marketing e su quali messaggi devono essere comunicati per iscritto ai clienti.

Inoltre, è importante assicurarsi che tutti i soggetti coinvolti abbiano una chiara comprensione degli obiettivi stabiliti dall’azienda, in modo da mantenere l’allineamento con i valori e gli obiettivi aziendali. Definendo le linee guida per l’uso del marchio, tutti possono essere sicuri che questo venga rappresentato in modo coerente in tutti i canali al consumatore finale.

Come si presenta una brand identity?

Che sia un prodotto specifico o un brand non importa: alla base della costruzione di una brand identity di successo c’è un’ agenzia di marketing e comunicazione, dove all’interno lavorano professionisti e comunicatori specializzati come grafici, copywriter e direttori creativi.

Dopo un brief completo con il cliente, sarà l’agenzia a prendersi il tempo necessario per la costruzione della brand identity e per predisporre un documento di presentazione con esempi e ricerche di mercato.

Solo dopo l’approvazione da parte del cliente, l’agenzia potrà finalizzare il progetto, modificando gli esempi proposti o procedendo con i dovuti rework.

Cosa si intende per Brand Reputation?

Quando si parla di Brand Reputation si vuole delineare un concetto complesso ed articolato che definisce la percezione, le aspettative e l’insieme delle valutazioni da parte dei consumatori nei confronti di un’azienda.

Che cosa contribuisce a creare la reputazione di un brand? Partendo dalle azioni concrete e dalla politica aziendale, fino alla storia e alle pubbliche relazioni, il processo di costruzione di una Brand Reputation è estremamente complesso, ma la brand identity è sicuramente un aspetto da non trascurare.

Cos’è la Brand Awareness?

Oltre alla reputazione del Brand, l’identità di una marca ha un’altra funzione molto importante: contribuisce ad incrementare la Brand Awareness, ovvero la notorietà dell’azienda.

Questo concetto, infatti, è utile perché esprime a pieno quanto il logo o l’identità visiva di un brand possono essere riconoscibili agli occhi dei potenziali clienti.

Il concetto di Brand Awareness è applicabile in tutti i settori merceologici, da quelli legati alla vendita di prodotti a quelli specializzati invece sui servizi.

Quanto costa una Brand Identity?

Definire in linea generale il costo di una brand identity non è semplice: questo può dipendere da diversi fattori, come la complessità del progetto da comunicare, così come l’agenzia di marketing a cui ci si rivolge per l’elaborazione di un preventivo.

Quel che conta è che senza dubbio una brand identity ben studiata può davvero fare la differenza all’interno della tua strategia di marketing, per cui vale la pena in ogni caso investire un budget consono all’attività che si intende realizzare.

In linea di massima, dal punto di vista grafico, per realizzare un’identità visiva professionale il costo da mettere in conto parte dai 1500-2000 euro, anche se come detto ogni preventivo va personalizzato anche sulla base delle esigenze del cliente.

Costruisci la tua brand identity

Hai deciso di iniziare a lavorare alla tua brand identity, ma vuoi essere guidato da professionisti durante tutto il processo di creazione?

Contattaci! Saremo lieti di assisterti nella definizione di una strategia di successo per la tua azienda.

Irene Tempestini

Irene Tempestini

Lavoro nel campo della comunicazione, on e offline, da oltre 15 anni, abbracciando varie sfumature del settore. Sono Senior SEO Copywriter, Giornalista iscritta all'Ordine Nazionale dei Giornalisti (tessera professionale n.140252), Media Manager, Addetta Stampa e PR di Qreativa. Il mio percorso non si è mai fermato. Investo continuamente nella formazione, per restare sempre al vertice nel frenetico mondo del digital marketing.
Condividi l'articolo

Altri contenuti simili

come investire in facebook ads

Come investire in Facebook Ads con la giusta pianificazione finanziaria

facebook ads strategie di bidding

Facebook Ads strategie di bidding: come vincere le aste e ottenere più clic

pixel facebook

Pixel Facebook: guida definitiva 2024

Custom Audience Facebook: come creare un pubblico personalizzato per le campagne pubblicitarie